“Con l’impianto di un semplice elettrodo – spiega Luca Bonini, dell’Università degli Studi di Parma – che funziona come una sorta di ‘pace maker’ cerebrale, vengono immediatamente fermate le convulsioni tipiche dei malati di Parkinson”.